INTENSIVE ACTING WORKSHOP

FLORENCEMOVIEACADEMY INTENSIVE WORSHOP

LE RECENSIONI DEI NOSTRI STUDENTI – KUNG FUSION

Kung Fusion

Negli anni 30′ la gang delle asce domina la malavita di Shanghai, gli unici posti non raggiunti dalla criminalità sono i quartieri poveri, dove le gang non hanno interessi.

Sing e il suo compagno Osso sono due ragazzi imbranati che sognano di entrare nella prestigiosa gang delle asce per vivere una vita di successo, rubano a chioschini ambulanti e si spacciano per membri della gang delle asce per ottenere beni e servizi gratuiti.

A seguito di un incidente nel vicolo dei porci i due attirano veri membri della gang delle asce che scambiano i due per compagni, portando la gang allo scontro con gli abitanti del vicolo, tra le quali si scoprono esserci dei maestri di arti marziali che respingono l’offensiva dei malavitosi.

Sing e Osso vengono presi dalla gang, che vuole giustiziare i due impostori, ma l’abilità di Sing nell’aprire i lucchetti convince il capo della gang ad arruolarli per una specifica missione.

I due si recano nel manicomio criminale di Shanghai per liberare il diavolo della nuvola di fuoco, pericoloso artista marziale autochiutosi nel manicomio per la noia di dover affrontare avversari troppo deboli.

Quando il diavolo di fuoco entra in azione i poveri maestri del vicolo dei porci sembrano spacciati, ma un intervento di Sing cambia le carte in tavola. Nonostante la sua pochezza fisica si trova a fare da ago della bilancia nello scontro e decide di voltare le spalle alla malavita, subendo poi l’ira del diavolo di fuoco.

I maestri del vicolo riescono a portare in salvo Sing, il quale rimane inspiegabilmente in vita dopo le ferite riportate.

Al vicolo i due maestri si rendono conto che Sing possiede qualcosa di speciale e vedono risvegliare in lui un potere nascosto, Sing sembra essere di fatti il prescelto, e a seguito dello scontro con il diavolo della nuvola di fuoco dimostra tutto il suo potere, risolvendo la situazione una volta per tutte e portando la pace nella città di Shanghai, dove aprirà un negozio di dolciumi con la ragazza muta che salvò da bambino, quando nel tentativo di compiere un atto coraggioso e altruista venne picchiato e umiliato da un gruppo di ragazzini e venne portato sulla cattiva strada dallo sconforto di quel momento.

SCENA PREFERITA: Quando Sing riesce ad aprire la porta della cella in cui si trova il drago della nuvola di fuoco tutto ci si aspetta tranne un uomo di mezzà età in canottiera, mutande e ciabatte e anche spelacchiato. La scena viene caricata per tutto il tragitto fino alla cella, dalla quale sembra usicre un aura spettrale che si conclude con la sorpresa dello spettatore nel vedere lo strano uomo a leggere il giornale sul cesso.

LE RECENSIONI DEI NOSTRI STUDENTI – UNO SPARO NEL BUIO

L’ispettore Clouseau viene erroneamente mandato su un caso di omicidio svoltosi nella notte in casa del signor Ballon, ricco signore parigino. La sospettata di tale omicidio è la bella domestica Maria Gambrelli, con il quale il signor Ballon aveva una relazione. Nonostante Maria sia stata trovata con la pistola in mano Clouseau, invaghitosi della bella ragazza, crede nella sua innocenza e decide di scagionarla.

A seguito di ciò avvengono gli omicidi del giardiniere George, della domestica Dudu e del maggiordomo LaFarge, per ognuno di essi Maria viene arrestata e in seguito scagionata da Clouseau, le cui azioni portano il proprio superiore, il commissario Dreyfus, all’isteria. Clouseau a seguito di ogni scarcerazione segue Maria di nascosto venendo arrestato per attività collaterali in quanto non possedente di determinati patenti o licenze di vendita e altre attività da strada.

Durante l’investigazione Maria e Clouseau si avvicinano e nel corso di una serata passata insieme un misterioso assassino uccide per sbaglio quattro persone invece del protagonista.

Infine Clouseau raduna i sospettati in casa Ballon scoprendo che lo stesso Ballon, sua moglie Dominique, la signora LaFarge, l’autista Pierre e la domestica Simone sono tutti colpevoli di omicidio, ognuno di vittime legate al caso, scagionando di fatto Maria.

I colpevoli tentano fuggire sulla macchina di Clouseau, sulla quale una figura misteriosa aveva posto una bomba, la quale esplode uccidendo tutti i presenti nella vettura. Si scopre subito dopo che la bomba era stata messa dal commissario Dreyfus, reso pazzo da Clouseau.

SCENA PREFERITA: L’introduzione del film ci porta nella commedia che questa saga ha reso classica con un piano sequenza focalizzato sui vari personaggi di casa Ballon, intenti a varie personali attività notturne che si intrecciano tra loro, nella notte dell’omicidio all’interno della villa parigina, il tutto accompagnato dalle splendide musiche di Henry Mancini.

INTENSIVE ACTING WORKSHOP

LE RECENSIONI DEI NOSTRI STUDENTI – SOGNANDO BECKHAM

Sognando Beckham

Jess è una ragazza di famiglia indiana con la quale vive nella periferia di Londra e vive circondata da un atmosfera ricca di cultura indiana tradizionale, che si scontra con il suo desiderio di giocare a calcio, malvisto dalla famiglia.

Jules è una ragazza inglese che gioca a calcio in una squadra locale ed ambisce a diventare una giocatrice professionista in America, e invita Jess a entrare nella squadra, vedendola giocare un giorno in un parco con amici.

I genitori di Jess non approvano la sua partecipazione alla squadra considerandola una cosa non adatta ad una ragazza e lei si trova a nascondere il fatto di giocare a calcio, legandosi sempre di più a Jules ed all’allenatore della squadra, Joe, che piace ad entrambe le amiche.

In seguito all’avvicinamento tra Jess e Joe Jules si allontana dall’amica, che ancora soffre per il rapporto conflittuale con i genitori. Alla fine le due ragazze fanno pace e il padre permette alla figlia di andare alla finale del torneo con la squadra, perdendo qualche ora della festa di matrimonio della sorella. Dopo aver vinto la finale Jess, tornata a casa rivela alla famiglia di aver ottenuto una borsa di studio in America insieme all’amica e la famiglia si vede piegata dall’amore verso la figlia ed accetta la sua passione per lo sport.